Vacanze al tempo del Covid-19

E’ stato più volte chiarito, ma è bene ribadirlo nuovamente, che ad oggi non esistono studi che dimostrino la possibilità che i nostri cani e i nostri gatti possano trasmetterci il Covid19. Possiamo quindi programmare serenamente le nostre vacanze in compagnia dei nostri animali, ma ricordiamoci di seguire alcune semplici regole.

In albergo con il gatto

Se avete deciso di partire accompagnati dal vostro gatto, cercate una struttura che accetti il vostro animale anche in questo momento un po’ particolare, quindi non accontentatevi di verificare che sul sito della struttura sia indicata la possibilità di portare animali e, anche se siete clienti abituali, fate una telefonata direttamente al gestore e chiarite quali sono le eventuali norme igieniche supplementari adottate in questo periodo.

In albergo o in agriturismo, potrebbe essere necessario verificare meglio quali sono le regole di sanificazione utilizzate nelle stanze: per esempio, per evitare che il processo di pulizia possa spaventare il vostro gatto o procurargli qualche fastidio, chiedete quali prodotti vengono utilizzati e informatevi su quali sono le modalità di accesso alla stanza da parte del personale incaricato, in modo da non correre il rischio che il gatto fugga quando il personale entra nella stanza.

Sui mezzi con il gatto

Se viaggerete in treno, nave o aereo, informatevi per tempo sulle norme che le varie compagnie applicano per il trasporto degli animali e chiedete espressamente se sono previste norme particolari legate al Covid. All’interno della stessa compagnia, a seconda della destinazione finale potrebbero esserci modifiche del regolamento.

Ricordate che alcune compagnie prevedono che l’animale abbia una propria prenotazione e quindi un proprio biglietto e spesso è previsto il trasporto di un numero limitato di trasportini: non aspettate quindi l’ultimo momento per prenotare perché potreste rischiare di non trovare più posto per il vostro gatto.

Viaggiare all’estero

Per gli spostamenti all’interno dei Paesi della UE il Regolamento europeo  prevede la necessità della identificazione degli animali tramite tatuaggio o microchip, oltre che il possesso di uno specifico PASSAPORTO. E’ inoltre obbligatoria la vaccinazione per la rabbia: consultate il vostro veterinario per avere tutte le informazioni necessarie.

Se portate con voi il vostro gatto anche all’estero, approfondite accuratamente le norme anti-Covid in vigore nel Paese in cui vi recate e cercate di seguire tutti gli eventuali aggiornamenti che possono essere divulgati a seconda dell’andamento del contagio. Portate con voi il vostro gatto solo se davvero non avete una soluzione alternativa: al di là del particolare momento che stiamo vivendo, il viaggio è spesso un’esperienza traumatica per il nostro gatto e, ameno che non sia indispensabile, sarebbe meglio evitare si sottoporlo a questo stress.

Pubblicato da manuela pintore

Manuela Pintore - consulente della relazione felina: per favorire e migliorare il rapporto con il con il gatto

Una opinione su "Vacanze al tempo del Covid-19"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: